Newsletter subscribe

Mutui

Terremoto, i provvedimenti delle banche in fatto di mutui

terremoto
Posted: 29/08/2016 alle 15:20   /   by   /   comments (0)

Come avvenuto dopo il terremoto de L’Aquila e a seguito di altre grandi calamità naturali, molte banche stanno per confermare l’ipotesi, preannunciata già ieri, si sospendere per 6 mesi o un anno i mutui per un anno.

Tutti coloro che sono stati colpiti dal sisma, ovvero che si sono ritrovati all’improvviso senza lavoro o senza abitazione, non dovranno dunque pagare la rata per i prossimi 12 mesi. Naturalmente non tutti gli istituti bancari hanno già aderito e non tutti nella stessa maniera.

calcola il preventivo del tuo finanziamento

Questa, intanto, la nota diramata ieri dall’Abi. “Sollecitiamo le banche a sospendere i mutui sugli immobili colpiti dal terremoto”.

Stiamo sensibilizzando i nostri associati, ad adottare ai residenti nei territori colpiti le previste sospensioni delle rate dei finanziamenti ipotecari collegati agli immobili residenziali, commerciali e industriali che abbiano avuto danneggiamenti anche parziali.

Le reazioni sono state diverse: la Bnl, per esempio, ha accolto l’invito e ha deciso di offrire ai propri clienti la possibilità di sospendere il pagamento, per un periodo pari a sei mesi, delle rate dei prestiti e dei mutui in essere relativi ad immobili residenziali, commerciali ed industriali che abbiano subito danni.

Questa la nota diffusa ieri dall’istituto bancario: “Bnl e il gruppo Bnp Paribas esprimono il cordoglio per le vittime e la propria solidarietà alle popolazioni colpite dal recente sisma che ha interessato il Centro Italia. La banca, si legge in una nota, ha messo a punto una serie di iniziative dedicate alle famiglie e alle imprese del territorio: Bnl offre, infatti, ai clienti la possibilità di sospendere il pagamento, per un periodo pari a sei mesi, delle rate dei prestiti e dei mutui in essere relativi ad immobili residenziali, commerciali ed industriali che abbiano subito danni, anche parziali, a seguito del sisma. La banca, inoltre, mette a disposizione linee di credito per le immediate esigenze di ricostruzione e il riavvio delle attività imprenditoriali, mediante soluzioni di finanziamento ad hoc: “Prestito Solidarietà” per famiglie e imprese. Le agenzie Bnl nelle zone colpite, dopo le opportune verifiche di agibilità, sono tutte aperte e pienamente operative”.

Il Gruppo Intesa Sanpaolo ha annunciato invece di aver stanziato un plafond di 250 milioni di euro di finanziamenti e attivato una serie di provvedimenti a sostegno delle famiglie e delle imprese delle province di Rieti, Ascoli Piceno, Perugia, Macerata e Fermo, gravemente danneggiate dagli eventi sismici.

Quella in questione rappresenta una grossa agevolazione anche se, sei mesi, possono essere un tempo molto ristretto per riorganizzare la propria vita dopo che un simile evento ha distrutto, in pochi secondi, casa, lavoro e affetti.

Naturalmente non per tutti si tratta della stessa situazione, c’è chi, per esempio, ha perso solo casa, e con questi sei mesi di stop dal mutuo ha il tempo di riorganizzarsi. Ma c’è anche chi, ancora peggio, ha perso sia la casa che il lavoro e questo può essere un colpo dal quale, per rimettersi in sesto, possono volerci anni.

Comments (0)

write a comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 
Name E-mail Website

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi