Newsletter subscribe

Mutui

Mutuo a tempo determinato: soluzione non efficace né possibile

Mutuo a tempo determinato
Posted: 22/12/2017 alle 06:06   /   by   /   comments (0)

Mutuo a tempo determinato: è una soluzione non possibile né efficace. Ecco per quale motivo è più facilmente richiesto il tempo indeterminato

Quando ci si presenta in banca per chiedere un mutuo, la prima cosa che chiaramente ci viene richiesta è la presenza di un reddito stabile e continuativo, ovvero di un reddito – sia esso di tipo pensionistico o uno stipendio – che consenta di avviare una pratica di prestito finalizzato all’acquisto di una casa. Spesso, per accendere un mutuo non è solo necessario avere un contratto a tempo determinato, ma proprio perché si tratta di finanziamenti lunghi venti o trent’anni, è necessario che lo stipendio percepito sia di tipologia più lunga, ovvero con un contratto a tempo indeterminato.

Per quale motivo, quindi, la banca non accetterebbe di buon grado la possibilità di far accedere ad un mutuo anche con contratto a tempo determinato? Il motivo è semplice: infatti, a differenza di un finanziamento o prestito personale semplice, il mutuo è un finanziamento sia di importo più elevato – che può anche superare i cento mila euro – sia spalmato in un tempo più lungo rispetto a quanto stabilito per un prestito di tipo personale. E pertanto la banca non avrebbe quelle specifiche possibilità di ottenere con sicurezza la rata prevista: una garanzia, questa, decisamente non sufficiente.

calcola il preventivo del tuo finanziamento

Sharing is caring!

Comments (0)

write a comment

Comment
Name E-mail Website

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi