Newsletter subscribe

Economia

Olio d’oliva: come si riconosce quello extravergine

Olio d'oliva
Posted: 09/10/2018 alle 06:15   /   by   /   comments (0)

Olio d’oliva: secondo la normativa europea è possibile distinguere l’olio extravergine dopo che esso ha superato il test dell’odore e la prova di assaggio preventiva. Ecco quali sono le importanti regole e le novità in merito

L’olio extravergine d’oliva è uno dei prodotti più pregiati per quel che riguarda l’interessante offerta in Italia ed in molte altre parti del mondo: troppo spesso la sua qualità viene messa a serio rischio dalla contraffazione o dalla sua miscelazione con altri oli meno pregiati o addirittura di altra natura.

Per fortuna possiamo fare riferimento anche alla normativa europea che vigila su questo e impone i controlli attuati da personale esperto che garantisce il prodotto prima che esso venga messo in vendita e poi utilizzato in tavola: pe questi motivi, pertanto, l’olio extravergine d’oliva, per essere considerato tale, dovrà superare il test dell’odore e la prova di assaggio preventiva.

Attraverso queste prove importanti di valutazione sarà possibile verificare la presenza di eventuali difetti che riguardano il suo odore oppure anche il suo sapore: l’etichetta di olio extravergine sarà posta soltanto sulle bottiglie che avranno totalizzato 0 come punteggio della media dei difetti.

Nei casi in cui l’olio sia particolarmente pregiato, allora potrà essere etichettato anche con l’aggettivo “fruttato”.

calcola il preventivo del tuo finanziamento

Sharing is caring!

Comments (0)

write a comment

Comment
Name E-mail Website