Newsletter subscribe

Economia

Ripresa economica e mercato del lavoro: il bollettino mensile della Bce

ripresa economica
Posted: 08/08/2016 alle 12:18   /   by   /   comments (0)

Lenta ma costante: la ripresa, affiancata da netti miglioramenti sul fronte del mercato del lavoro, comincia a farsi sentire, lasciando intravedere un po’ di luce in fondo ad un tunnel in cui l’economia mondiale viaggia ormai da anni. È quanto si evince dal bollettino mensile sullo stato di salute dell’economia pubblicato dalla Banca centrale europea, rapporto nel quale si continua comunque a parlare di cautela e di una situazione ancora da monitorare.

La Bce sottolinea come sia fondamentalmente la domanda interna a sostenere questa ripresa, mentre la crescita delle esportazioni rimane modesta. Per questi motivi, il recupero dell’economia “dovrebbe procedere a un ritmo moderato“, leggiamo nel bollettino, “e i rischi per le prospettive di crescita dell’area dell’euro restano orientati verso il basso“.

calcola il preventivo del tuo finanziamento

Ottimista comunque l’Eurotower, che prevede che “la ripresa economica prosegua a un ritmo moderato, nonostante le maggiori incertezze dopo l’esito del referendum nel Regno Unito“.

Inoltre, “il costante incremento dell’occupazione e il prezzo ancora relativamente basso del petrolio dovrebbero continuare a sostenere il reddito disponibile reale delle famiglie e i consumi privati. Allo stesso tempo, la ripresa economica è ancora frenata dagli aggiustamenti di bilancio in corso in diversi settori, dalla lenta attuazione delle riforme strutturali e dalle prospettive di crescita contenuta nei paesi emergenti”.

Buone notizie invece per quanto riguarda il lavoro: “I mercati del lavoro nell’area dell’euro – scrive ancora la Bce – continuano a migliorare gradualmente”. Nel primo trimestre del 2016, si legge nel report, l’occupazione è aumentata di un ulteriore 0,3 per cento sul periodo precedente.

Nel complesso, l’occupazione è stata superiore dell’1,4 per cento rispetto all’anno prima, il maggior rialzo annuale osservato dal primo trimestre del 2008. Negli ultimi mesi inoltre i dati più recenti delle indagini hanno continuato a migliorare e lasciano intravedere ulteriori incrementi dell’occupazione per il prossimo futuro.

Sul fronte inflazione, la dinamica dei prezzi dovrebbe rimanere su “livelli modesti” nei prossimi mesi per poi recuperare nel 2017 e 2018. In prospettiva, spiega l’istituto di Francoforte, “sulla base dei prezzi correnti dei contratti future per l’energia, il tasso di inflazione rimarrà su livelli modesti o forse persino lievemente negativi nei prossimi mesi per poi risalire nel prosieguo del 2016, riflettendo soprattutto effetti base.

In seguito, l’inflazione dovrebbe aumentare ancora nel 2017 e 2018, sostenuta dalle misure di politica monetaria della Bce e dall’attesa ripresa economica”. Stiamo insomma vivendo un momento di passaggio, tra accenni di buone notizie e vecchie incertezze. Per ulteriori cambiamenti, bisognerà aspettare ancora.

Comments (0)

write a comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 
Name E-mail Website

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi